Insalata di quinoa con rucola, zucca arrosto e parmigiano croccante

Arriva la Primavera, me lo sento… ed è ora di pennellare di colori la cucina.
Vi consiglio questa golosa insalata: c’è la quinoa, fonte di fibre e minerali, come fosforo, magnesio, ferro e zinco e proteine vegetali, c’è la rucola, erba amara con proprietà purificanti e digestive, e c’è la zucca, ortaggio che ben si presta a molte preparazioni in cucina, ricca di vitamine.
Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi
Insalata di quinoa con rucola,
zucca arrosto e parmigiano croccante
 
Ingredienti per 2 -3 persone
 
3 manciate abbondanti di rucola, già mondata e lavata
150 g di zucca
60 g di quinoa
10 cucchiaini di parmigiano
300 ml di brodo bollente
sale e pepe
Per la vinaigrette
1 cucchiaio d’olio d’oliva
2 cucchiaini d’aceto balsamico
sale e pepe
Pesate e versate la quinoa in un colino e sciacquatela sotto l’acqua corrente. Portate a eebollizioneil brodo e versateci la quinoa. Fatela cuocere secondo la ttempisticariportata sulla confezione (di solito 25 – 30 minuti). Una volta cotta – i chicchi devono presentare il tipico occhiello – lasciatela gonfiare 5 minuti nel brodo, a fuoco spento. Poi scolatela.
Tagliate la zucca a dadini, metteteli su una teglia rivestita di carta forno. Salate e pepate leggermente e cuocetela in forno a 200°C. Distribuite anche i cucchiaini di parmigiano su una teglia di carta forno e lasciateli dorare per 2 minuti sotto il grill.
Una volta preparati tutti gli ingredienti, versate la rucola in una ciotola, conditela con una vinaigrette d’olio, aceto balsamico, sale e pepe. Mescolatela poi alla quinoa, ai dadini di zucca arrosto. Suddividete, se volete, l’insalata in ciotole individuali e decoratela all’ultimo con il parmigiano croccante.
Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi Giulia Godeassi
Annunci

Quinoa, riso selvaggio, gamberetti e citronette alla menta

La  quinoa è una pianta erbacea annuale della famiglia delle Chenopodiaceae, come gli spinaci o la barbabietola. i semi di questa pianta, sottoposti a macinazione, forniscono una farina contenente prevalentemente amido, il che consente a questa pianta di essere classificata merceologicamente a pieno titolo come cereale nonostante non appartenendo alla famiglia botanica delle Graminacee o Poacee. Si distingue da altri cereali per l’alto contenuto proteico e per la totale assenza di glutine. Nella terminologia anglosassone, che attribuisce il significato di cereale (parola di origine latina) alle sole piante ascrivibili tra le graminacee (o poacee) ed ai loro prodotti, la quinoa è invece classificata come pseudocereale. Per il suo buon apporto proteico costituisce l’alimento base per le popolazioni andine. Gli Inca chiamano la quinoa «chisiya mama» che in quechua vuol dire «madre di tutti i semi».
Per gustarla al meglio, ricordati di sciacquare la quinoa prima della cottura. La quinoa contiene naturalmente la saponina, una sostanza che le conferisce un sapore amaro, eliminabile facilmente con dei risciacqui d’acqua. Cuoci poi la quinoa in acqua bollente per 25 minuti. Lasciala poi gonfiare a fuoco spento per 10 minuti. Consumala poi come più ti piace.
Questa ricetta è l’ideale per un pasto freddo e veloce, da portare in ufficio, in spiaggia o a un picnic!
Quinoa, riso selvaggio, gamberetti e
citronette alla menta
 
Ingredienti per 1 porzione
30 g di riso selvaggio o integrale
20 g di quinoa
30 g di piselli congelati
30 g di gamberetti sgusciati crudi
3 foglie di menta
2 cucchiaini di succo di limone
1 cucchiaino d’olio d’oliva
1 cucchiaino di semi misti
Sale, pepe, olio
 
 
Portate a ebollizione abbondante acqua salata. Versate il riso selvaggio o integrale.  Di solito il riso integrale ha una cottura di 45 minuti. Dopo 20 minuti, versate assieme al riso la quinoa, ben sciacquata e i piselli congelati. Fate cuocere per altri 20 minuti.  Prima di spegnere il tutto. Aggiungete i gamberetti sgusciati crudi. Proseguite la cottura per 5 minuti. Scolate infine il tutto e lasciate raffreddare.
Preparate a parte una citronette alla menta tritate le foglie di menta. Mescolatele a 2 cucchiaini di succo di limone e a 1 cucchiaino d’olio, un pizzico di sale e pepe. Sbattete il tutto con una forchetta in modo da ottenere un’emulsione. Condite il riso, la quinoa, i piselli e i gamberi con la citronette alla menta e lasciate riposare
Tostate in una pentola antiaderente i semi misti (girasole, sesamo, zucca, grano saraceno).
Aiutandovi con un coppa pasta, impattate l’insalata di riso e quinoa. Guarnite con dei gamberetti, foglie di menta, i semi tostati e un giro d’olio.