Victoria Sponge Cake alle fragole (senza glutine)

La tipica torta inglese, la Victoria Sponge Cake, nacque durante in periodo vittoriano, ai primi del Novecento assieme al tea time. Anna, Duchessa di Bedford e dama di compagnia della regina, soffriva di crisi fameliche pomeridiane. Si rintanava così nei suoi appartamenti a pasteggiare con tramezzini, dolcetti e sorseggiando tazze di tè. Incuriosita da quello strano vizio, la regina Victoria si appassionò al rituale pomeridiano tanto che il tea time divenne una moda: era un momento conviviale per deliziare il palato e per stuzzicare l’orecchio con i pettegolezzi della giornata. Non mancavano salatini, biscotti, sandwich, tortine e cakes. Da quel momento, l’immancabile e la più famosa divenne la Victoria Sponge Cake in cui strati di soffice crema e frutta, fresca o in composta, venivano alternati a burroso pan di spagna. Per non appesantire troppo la ricetta, vi propongo la mia versione senza glutine, delicata con dosi ridotte di burro aggiunto all’impasto assieme a latte caldo.

Victoria Sponge cake alle fragole senza glutine

Victoria sponge cake alle fragole {gluten free}

Ingredienti per una torta dal diametro di 20 cm

Per il pan di spagna al latte caldo: 180 g di Farina senza glutine Piaceri Mediterranei*, 1 cucchiaino e mezzo di lievito per dolci senza glutine, 1 pizzico di sale, 60 g di burro, 120 ml di latte, 3 uova grandi, 180 g di zucchero semolato, i semi di una bacca di vaniglia.

Per la farcitura: 300 ml di panna fresca da montare, 125 g di formaggio cremoso tipo “Philadelphia”, 4 cucchiai di zucchero a velo, 200 g di fragole più qualche fragola per decorare.

* La Farina senza glutine Piaceri Mediterranei è una miscela di farina di riso e amidi di mais e di patata utile nella realizzazione di qualsiasi preparazione in cucina dalla pasta, agli gnocchi ai dolci… è l’alleato ideale per chi ama sbizzarrirsi in cucina!

8

Procedimento

Preparate per primo il pan di spagna al latte caldo. Sgusciate le uova e montatele per almeno 6 – 8 minuti con lo zucchero semolato e i semi di una bacca di vaniglia. Dovrete ottenere un composto molto soffice spumoso.

A parte scaldate il latte assieme al burro in un pentolino e fate fondere bene il tutto. Aggiungete il latte e il burro caldi al composto a base di uova senza smettere mai di lavorare il tutto con la frusta.

Pesate la Farina senza glutine Piaceri Mediterranei e mescolatela al sale e al lievito. Aggiungete le polveri setacciate all’impasto mescolando bene e facendo attenzione a non far grumi.

Scaldate il forno a 180°C e imburrate 2 stampi tondi a cerniera larghi 20 cm. Suddividete il composto equamente nelle tortiere e infornate. In questo modo non dovrete tagliare una torta unica a metà alla fine e avrete 2 torte perfettamente uguali.

Cuocete le torte per 20 – 30 minuti. Fate la prova stecchino per controllare la cottura. Una volta pronte, eliminate gli stampi a cerniera e fate raffreddare le torte su una gratella.

Preparate a parte la crema per la farcitura: versate in una ciotola il formaggio cremoso, lo zucchero a velo e la panna fresca. Montate bene il tutto fino ad ottenere una soffice nuvola di crema. Riponetela in frigo.

Mondate e riducete a dadini le fragole conservandone alcune per la decorazione finale.
Procedete con l’assemblamento della torta: suddividete le fragole sul primo strato di pan di spagna, aggiungete qualche cucchiaiata di crema. Spalmatela bene sulla superficie e posizionate sopra il secondo disco di pan di spagna. Terminate con la crema rimasta e decorate con le fragole tenute da parte tagliate a metà. Riponete la torta in frigo per 1 ora prima di servirla.

 

Annunci

Mince Pies alle mele e frutti rossi (senza glutine)

Tipiche della cucina anglosassone, queste crostatine alle mele e frutti rossi, si chiamano originariamente Minced Pies. La mia versione di questo dolce ha un ripieno composto da mele, frutti rossi e scorza di limone e arancia racchiuso da una croccante frolla alla farina di miglio.

Minced pies alle mele e frutti rossi 1

Secondo la tradizione popolare, le Mince Pies  sono il cibo preferito di Babbo Natale. Per questo è necessario lasciare un piattino con una o due tortine sul bordo del caminetto (accompagnato da un bicchierino di brandy o di sherry e da una carota per la renna) come ringraziamento affinché le calze di Natale siano ben riempite di doni. Inoltre, sempre secondo la tradizione, quando si prepara il ripieno per queste crostatine, bisogna sempre girare l’impasto in senso orario; girando in senso antiorario, infatti, si attirerebbe la cattiva sorte per l’anno a venire.

Per chi mastica un po’ d’inglese capirà che la traduzione letterale del nome di questo dolce sarebbe torta di carne macinata. In passato, infatti, il ripieno (mincemeat ovvero carne macinata) era a base di carne e frutta. La versione moderna ha lasciato da parte la presenza della carne e ha tramutato queste tortine in un goloso dessert a base di sola frutta sia fresca, come le mele e i mirtilli rossi, che secca come uva passa, ciliegie, albicocche, scorze d’arancia candite, spezie calde come cannella e noce moscata, noci o mandorle a pezzetti e un po’ di brandy o rum. Insomma, una sorta di strudel sottoforma di crostatina.

La Mince Pie si può mangiare sia calda sia fredda. Dopo averla scaldata si può rimuovere con cura la parte superiore e riempirla di panna o salsa di burro al brandy perché vi si sciolga sopra e possa esaltarne il sapore.

Minced pies alle mele e frutti rossi 2

Esistono diverse varianti della Mince Pie. Solitamente viene preparata una grande crostata e, con la pasta avanzata si fanno spesso dei pasticcini di mincemeat, che possono essere mangiati con guarnizione di crema pasticciera all’inglese, panna o gelato.

Se ora ance voi volete cimentarvi in questa ricetta, in collaborazione con il sito Ricette della Nonna, potete trovare la mia versione gluten free delle Mince Pies cliccando {qui}