Castagnole alla ricotta (senza glutine)

Le tradizioni gastronomiche italiane si differenziano da regione in regione, ognuna con le sue ricette, ingredienti segreti e preparazioni che vengono tramandate da generazione in generazione. Così succede soprattutto per i dolci di Carnevale che, a seconda della zona e del paese di provenienza, cambiano il loro modo d’essere chiamati o preparati. Troviamo crostoli, galani, chiacchiere e cenci ma anche tortelli, frittelle, frati fritti e ciambelle. Dalle ricette tradizionali a quelle più innovative, a carnevale troverete delizie per tutti i gusti. Da provare queste castagnole, dolce tipico carnevalesco famoso in tutta la penisola italiana, in versione gluten free, morbidissime grazie alla presenza di ricotta dell’impasto.

1

Castagnole alla ricotta senza glutine

Ingredienti per circa 25 castagnole

100 g di ricotta vaccina ben sgocciolata, 120 g di Farina Senza Glutine Piaceri Mediterranei, 1 uovo, 50 g di zucchero semolato più un po’ per spolverare, 50 ml di vino Marsala, la scorza di mezzo limone, 2 cucchiaini di lievito per dolci senza glutine, i semini di una bacca di vaniglia, un pizzico di sale, mezzo litro d’olio per friggere.

Chi non è intollerante al glutine può sostituire la Farina Senza Glutine Piaceri Mediterranei con la farina di tipo “00” o meglio ancora di farro. Il vino dolce Marsala potete sostituirlo con il rum, la grappa o liquore a vostro piacere.

Procedimento

Setacciate la ricotta servendovi di uno schiacciapatate. Amalgamatela con una forchetta allo zucchero, all’uovo intero sbattuto, alla scorza di limone, un pizzico di sale e alla vaniglia. Mescolate bene il tutto e unite la Farina Senza Glutine Piaceri Mediterranei alternata al vino Marsala.

pvw-preparazione-castagnole-senza-glutine

Versate l’olio in un padellino a bordi alti e scaldatelo a fuoco dolce. Quando sarà caldo, servendovi di due cucchiaini, prelevate delle piccole noci di impasto e fatele cadere nell’olio bollente. Rigiratele fino a quando non si saranno dorate su tutti i lati.

pvw-preparazione-castagnole-senza-glutine-2

Raccogliete le castagnole con un mestolo forato e posatele ad asciugare sulla carta assorbente da cucina. Rigiratele infine ancora calde nello zucchero semolato e servitele.

8

 

 

 

Annunci

Frittelle leggere allo yogurt

Tempo di Carnevale e di dolci fritti. Si provano tante nuove preparazioni oltre ai soliti crostoli (le chiacchiere friulane) preparate secondo la ricetta di famiglia. Avevo già provato delle gustosissime Fritole all’uvetta  ma quest’anno mi sono cimentata in frittelle più leggere e veloci da fare, con poco zucchero nell’impasto (dato che la copertura era abbastanza!) e con un vasetto di yogurt per renderle soffici, rigorosamente con farina non raffinata – il successo è comunque assicurato! – e un cucchiaino di strutto, come da tradizione, nell’olio di frittura per renderle più fragranti.

Ha collaborato per questa ricetta il laboratorio di ceramiche LAESSE di Stefania con delle deliziose ciotoline color rosa pastello. A fine ricetta troverete più informazioni.

frittelle-allo-yogurt-1

Frittelle soffici e leggere allo yogurt

Ingredienti per 20 – 25 frittelle

1 uovo, 150 g di yogurt bianco non zuccherato, 1 cucchiaio di zucchero a velo, 150 g di farina di tipo “2”, la scorza di 1 limone, la scorza di 1 arancia, mezza bustina di lievito per dolci, 1 cucchiaio di rum, un pizzico di sale, mezzo litro d’olio per friggere e 1 cucchiaino facoltativo di strutto, zucchero semolato q.b.

A meno che non siate vegani, provate ad aggiungere un cucchiaino di strutto nell’olio di frittura per ottenere un fritto più leggero e croccante.

frittelle-allo-yogurt-2

Procedimento

In una ciotola sbattete l’uovo assieme allo zucchero a velo, lo yogurt, la scorza di arancia e limone e il sale.

Aggiungete la farina miscelata al lievito, mescolate bene con una frusta. A questo punto aggiungete il rum ed amalgamate bene il tutto cercando di non far grumi.

Scaldate l’olio e lo strutto in un pentolino. Io ho utilizzato un pentolino piccolo dai bordi alti in modo da cuocere poche frittelle per volta.

Quando l’olio sarà ben caldo, regolate la fiamma (che non dovrà esser alla massima potenza ma media), inumidite due cucchiaini con poco olio e prelevate un po’ d’impasto. Fatelo cadere nell’olio bollente. È importante che il fuoco non sia troppo alto sennò le vostre frittelle risulteranno troppo scure esternamente e crude internamente. Rigirate le frittelle su tutti i lati per cuocerle in modo omogeneo.

Una volta dorate, raccoglietele con un mestolo forato, sgocciolatele bene e adagiatele su dei fogli di carta da cucina. Passatele ancora calde nello zucchero semolato in modo che si inzuccherino bene.

Continuate fino all’esaurimento del composto. Si possono consumare tiepide o fredde. Vi consiglio di consumarle entro una giornata in modo che non perdano la loro fragranza.

In collaborazione con

laesse-banner