Cannoli salati alla mousse di trota

Un aperitivo tra amici, pochi ingredienti e tanta fantasia per creare un finger food sfizioso e gustoso. La Regina di San Daniele, la vera trota friulana, è l’ingrediente principale del piatto, abbinato alla croccantezza di un guscio di pasta birseè e semini e alla piccantezza della radice di rafano presente nella mousse. Una ricetta da segnare sul proprio quaderno degli appunti!

cannoli mousse di trota 1

Cannoli salati alla mousse di trota

Ingredienti per una decina di cannoli

1 rotolo di pasta briseè rettangolare, 1 tuorlo d’uovo, semi di sesamo q.b., burro q.b., 100 g di trota salmonata affumicata o al naturale, 2 cucchiaini di erba cipollina, 2 cucchiai di panna acida o di yogurt greco, 1 cucchiaino di kren (rafano) grattugiato, sale e pepe.

Al posto della pasta briseè potete utilizzare la pasta sfoglia. Se non vi piace la trota, potete sostituirla con qualsiasi altro pesce affumicato.

cannoli mousse di trota 3

Procedimento

Scaldate il forno a 180° C in modalità ventilato.

Srotolate la pasta briseè e tagliate 10 strisce nel senso della lunghezza. Imburrate 10 formine per cannolo e avvolgete le strisce di pasta su ogni formina. Spennellate i cannoli con il tuorlo sbattuto, spolverate con i semini di sesamo e infornate a forno caldo. Cuocete i cannoli fino a doratura.

A parte preparate la mousse di trota. Tritate grossolanamente il filetto di trota affumicata o al naturale, privata della pelle. Riponetela in un mixer assieme alla panna acida, al kren (rafano) all’erba cipollina, sale e pepe quanto basta. Frullate il tutto fino ad ottenere una crema soda. Trasferite al crema in un sac à poche e riponetela in frigorifero.

Una volta pronti i cannoli, fateli raffreddare bene. Estraeteli dallo stampino una volta raffreddateli e farciteli con la mousse di trota aiutandovi con il sac à poche. Spolverate le estremità con erba cipollina e servite subito.

Vi consiglio di gustare questi cannoli in giornata.

Il vino in abbinamento

cannoli - sauvignon copia

 

Annunci

Biscottini al rosmarino e groviera

Ci aspetta un piovoso e grigio weekend qui, nella casa a  Nord Est. E allora accendiamo i forni, invitiamo amici a casa e ci rilassiamo per dei lunghi aperitivi domestici, allietati da qualche crostino, dei buoni calici di vino fresco, un po’ di formaggi, salumi appena affettati e buona musica.

biscottini-al-groviera-e-rosmarino-1

Per l’occasione non perdetevi questi deliziosi biscottini salati. Realizzarli è semplicissimo: basta avere un mixer capiente e pochi ingredienti, tra cui un buon formaggio stagionato. Avevo in frigorifero un pezzettino di Groviera, ottimo con le vellutate di porri e, grattugiato finemente nell’impasto di questi biscotti, conferisce a queste delizie un gusto molto invitante. In alternativa si può utilizzare un Montasio Stravecchio o del Parmigiano Reggiano. Con le dosi indicate dalla ricetta otterrete tantissimi piccoli biscottini, tanti quanti ne servono per riempire una grande teglia. Mi raccomando, fateli piccolini: in questo modo saranno più adatti al vostro aperitivo.

biscottini-al-groviera-e-rosmarino-2

In collaborazione con il sito Ricette della Nonna, potete rimboccarvi le maniche, allacciare il grembiule, scaldare il forno e trovare la ricetta cliccando qui {qui}.

Finger food d’autunno all’Atelier 59

Vi siete persi alcuni passaggi del mio Cooking Show presso l’Atelier 59 di Cormons? Nessun problema, qui troverete sintetizzate le ricette che vi ho proposto e che avete avuto modo di sbocconcellare. Un ringraziamento affettuoso a Erichetta e a Manuela che hanno organizzato l’evento. Cliccando sui loro nomi accederete ai loro siti web per poter ammirare le loro creazioni. Se invece volete passare a trovarle, la loro bottega artigiana si trova in via Udine, in centro a Cormons (GO).

cheesecake Collage copia

Per la cheesecake ai fichi, timo e prosciutto crudo: tostate del pane raffermo di segale ai cereali con un goccio d’olio e riducetelo in piccoli pezzi. Lavorate 100 g di robiola assieme a un rametto sfogliato di timo e a 100 g di panna montata non zuccherata. Adagiate sul fondo di bicchierini o di ciotoline mono porzione i crostini di pane assieme a dei fichi secchi tagliati e a del prosciutto crudo tagliati anch’essi a dadini. Con l’aiuto di una sac à poche, suddividete il composto di robiola-panna-timo per ogni porzione. Terminate con una manciata di pistacchi non salati tritati al coltello e con una rosellina di prosciutto crudo di Cormons.

crostino Collage copia

Per la bruschetta d’autunno con zucca arrosto, formaggio blu e aceto balsamico: tagliate a dadini 50 g di zucca e spadellatela assieme a 1 cucchiaio d’olio, 1 spicchio d’aglio in camicia, timo, salvia, rosmarino, sale e pepe. Cucinatela a fuoco medio. Lasciatela poi intiepidire ed eliminate l’aglio e le erbe aromatiche. Lavorate 70 g di formaggio erborinato (a vostra scelta tra gorgonzola dolce, gorgonzola piccante, roquefort o stilton) assieme a 100 g di ricotta vaccina. Farcite i crostini precendentemente tostati con la crema di formaggi, adagiate su ogni crostino qualche dadino di zuccha e terminate con rucola e aceto balsamico. Io ho utilizzato l’aceto balsamico Asperum IV di Midolini.

trota collage copia

Per la trota fil di fumo con insalata cremosa di patate, mele e chantilly al kren: lessate 100 g di patate a pasta gialla. Una volta cotte, schiacciatele con una forchetta, salate e pepate e lasciate raffreddare. Mescolatele poi con 2 cucchiai abbondanti di panna acida, aggiungete dell’erba cipollina tritata e mettete da parte. A parte montate 50 ml di panna fresca, amalgamatela a 1 cucchiaio di pasta al rafano (kren) e mettete da parte. Dividete il filetto di trota fil di fumo di San Daniele in pezzi e tagliate una piccola mela rossa a dadini (senza sbucciarla). Componete il piatto: adagiate una base di insalata cremosa di patate, poi una parte del filetto di trota e completate con un ricciolo di chantilly al kren. Terminate con i dadini di mela e con bacche di pepe rosa.

Crème brulée allo zafferano, con noci e funghi caramellati

Amanti anche voi del finger food? Questa ricetta, tratta dal libro di una grande chef, e adattata, sorprenderà il vostro palato e i vostri ospiti. Perchè non proporla proprio durante la lunga attesa nella notte di San Silvestro?
Crème bruléè allo zafferano,
con noci e funghi caramellati
Ricetta tratta e adattata da Finger food all’italiana, di Viviana Lapertosa
Ingredienti per 4 cocotte
 
Per la crème brulée:
65 ml di panna fresca da cucina
65 ml di latte
1 uovo
50 g di parmigiano grattugiato
30 g di Montasio grattugiato
1 bustina di polvere di zafferano
pepe bianco
Per le noci e i funghi caramellati:
20 g di porcini secchi
30 g di noci sgusciate
2 cucchiaini di zucchero di canna
10 g di burro
pepe e sale
In una brocca radunate la panna, il latte, l’uovo, la polvere di zafferano, i formaggi grattugiati e il pepe. Frullate il tutto con il frullatore a immersione.
Scaldate il forno a 160°C ventilato. Versate il composto i 4 cocottine e sistematele in una teglia a bordi alti. Versate dell’acqua tiepida dentro la teglia in modo che le crème brulée vengano cotte a bagnomaria al formo.
Infornatele e cuocetele fino a quando non si saranno rassodate (ci vorranno circa 20 – 25 minuti). Una volta cotti, toglieteli dal forno e lasciateli intiepidire.
Preparate la parte croccante: ammollate i funghi nell’acqua bollente per 5 minuti. Tagliateli poi al coltello. Frullate le noci assieme ai funghi. Sciogliete il burro in un pentolino, versate le noci e i funghi tritati e lasciate dorare per 2 minuti. Caramellate poi con lo zucchero di canna e regolate di sale e pepe. Una volta tepido suddividete i funghi e le noci croccanti sopra le crème brulée salate. Servitele tiepide.

Lecca Lecca di frico croccanti

Questi lecca lecca di frico croccanti sono un’ottima idea per l’aperitivo. Facili e veloci da preparare, potete aromatizzarli prima di infornarli con semi di papavero, noci tritate o semi di sesamo, oppure appena usciti dal forno con delle delicate foglioline di timo.

FRÌCUS CROSTULÌNS
Lecca Lecca di frico croccanti
Ingredienti 
Formaggio Montasio Stravecchio
Bastoncini in legno per spiedini
Mettete a bagno in acqua fredda per mezz’ora gi bastoncini per spiedini. Rivestite di carta forno una teglia. Aiutandovi con un coppa pasta o un anello per intagliare i biscotti, formate dei dischi sottili versando solo 1 cucchiaino di formaggio Montasio Stravecchio sulla carta forno, ben distanziati. Appoggiate uno stecchino su ogni disco di formaggio:  col calore, il formaggio fuso aderirà al bastoncino.  Accendete l grill del forno a 200°C e, a temperatura raggiunta, infornate la teglia. Controllate i lecca lecca di formaggio: staranno davvero pochissimo minuti a dorarsi! (circa 5  minuti)
Sfornate i lecca lecca e lasciateli riposare 5 minuti sulla teglia in modo che s’induriscano e diventino croccanti a temperatura ambiente. Serviteli come aperitivo o stuzzichino.
Questa ricetta la trovate anche nell’edizione speciale di Bontât magazine, il primo e magazine culinario del Friuli Venezia Giulia da sfogliare on line su http://issuu.com/bontatmagazine.
 

Sfogliatine alla cipolla rossa caramellata e caprino

Vi propongo oggi un’idea dell’ultimo minuto. Facile e anche veloce da preparare! Sicuramente farete un grandissimo figurone! Potete inoltre variare la farcitura del formaggio come più vi piace.
Sfogliatine alla cipolla rossa caramellata e caprino
Ingredienti per una ventina di sfogliatine
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
2 cipolle rosse grandi
15 + 15 g di burro
2 cucchiai d’aceto balsamico
150 ml di vino rosso
1 cucchiaio e mezzo di zucchero di canna
1 caprino (o qualsiasi formaggio fresco vogliate)
sale e pepe
timo fresco per decorare
Vi serviranno inoltre 2 tagliabiscotti o 2 coppapasta di forma circolare: uno grande e uno più piccolo… e una forchetta.
Preparate le cipolle caramellate: per prima cosa affettate le cipolle. In una pentola antiaderente fate sciogliere 15 g di burro. Aggiungete le cipolle affettate, salate e pepate. Il fuoco deve esser vivace ma non troppo alto. Miscelate in un bicchiere il vino assieme all’aceto balsamico e sfumate le cipolle. Coprite immediatamente, abbassate di poco il fuoco e lasciate stufare il tutto per 15 minuti. Se le cipolle vi risultano ancora croccanti, versate in cottura un po’ d’acqua. Quando risulteranno morbide, aggiungete i 15 g di burro rimasti e lo zucchero di canna, e fate caramellare. Togliete dal fuoco e mettete da parte.
Scaldate il forno a 180°C ventilato. Tagliate con il tagliabiscotti più grande tanti cerchi di pasta sfoglia. Con il tagliabiscotti più piccolo, incidete e SOLO incidete al centro il cerchio di pasta sfoglia. Bucherellate il cerchio centrale con la forchetta in modo che in cottura si gonfi solo la pasta sfoglia presente nella circonferenza.
 Disponete nella parte centrale bucherellata le cipolle caramellate e una fetta di caprino. Il formaggio di capra sarebbe perfetto, ma voi potete sostituirlo con qualsiasi formaggi a pasta molle o semidura come ricotta, stracchino, philadelphia, brie, camambert o perfino gorgonzola.
Infornate a forno caldo per 20 minuti, fino a doratura. Controllate che siano ben cotte anche nella parte inferiore e se volete renderle piu’ colorate, riponetele qualche secondo sotto il grill.
Sfornatele e lasciatele intiepidire.
Servitele decorandole e profumandole con foglioline di timo fresco. Potete prepararle anche con qualche ora d’anticipo e scaldarle al momento, per qualche minuto, nel forno caldo.

Crocchette di funghi

Stavo friggendo delle normalissime crocchette di pollo, quando mi venne in mente una sorprendente idea con i funghi: perchè non provare a friggere anche quelli? Avevo giusto pronto impanature, uova e farina per sperimentare il tutto …
Crocchette di funghi
 
Ingredienti
 
10 funghi champignon
farina q.b.
1 uovo
mezza tazza di latte
mezza tazza di pan grattato
mezza tazza di farina di polenta istantanea
olio per friggere
sale e pepe
Per prima cosa ho pulito molto bene i funghi in modo da eliminare la terra. Li ho poi affettati dividendoli in 4. Con l’aiuto di pinze da cucina, li ho passati nella farina, poi nell’uovo sbattuto assieme al latte con un pizzico di sale e pepe e infine li ho passati nel pan grattato miscelato assieme alla farina di polenta istantanea. La farina di polenta presente nell’impanatura, conferisce una consistenza croccante. Io la utilizzo sempre, perché così ho la sicurezza che, se per caso del fritto dovesse avanzare, scaldato poi successivamente al forno, non muta la croccantezza.
Ho scaldato l’olio per friggere ed ho gettato i funghi. I tempi di cottura son veramente brevi. Una volta che si son dorati bene, raccoglieteli e scolateli dall’olio in eccesso. Dopodiché asciugateli con della carta assorbente. Salateli leggermente e … serviteli belli caldi nei vostri aperitivi!

Nippon Toast (ASIA)

Un po’ d’ispirazione asiatica, un po’ per accompagnare un buon calice di vino bianco, i Nippon Toast sono ideali per gli aperitivi con gli amici.
Gustosi e semplici da preparare, con pochi ingredienti, riuscirete ad avere un successo assicurato!
Nippon Toast
Ingredienti 
per una decina di mini toast
200 g di gamberi sgusciati*
(anche congelati vanno bene)
100 g di ricotta cremosa**
un pizzico di zenzero
1 spicchio d’aglio intero
1 cucchiaio di vino bianco
sale e pepe
burro
pancarrè

semini di sesamo

* da evitare i gamberetti in salamoia, per carità!
** per ricotta cremosa, intendo la ricotta con aggiunta di panna che si trova tranquillamente nei banchi frigo di tutti i supermercati. Ho scelto una ricotta non troppo asciutta in modo che la farcitura si possa amalgamare bene.
Dopo aver sgusciato i gamberetti ho eliminato il budellino nero incidendoli sulla schiena e togliendolo accuratamente. Ho scaldato 1 cucchiaino d’olio d’oliva in un padellino assieme allo spicchio d’aglio intero, ho versato i gamberi, un pizzico di zenzero, sale e pepe. Dopo 2 minuti li ho sfumati con 1 cucchiaio di vino bianco. Ho tolto lo spicchio d’aglio e li ho tritati al coltello.
In una ciotola ho riunito i gamberi tritati assieme alla ricotta ed ho mescolato bene il tutto.
Con un coppa pasta di diametro 4 cm (o in alternativa con un biccherino) ho intagliato delle fette di pan carrè. Le ho spalmate con poco burro e le ho farcite con i gamberetti e la ricotta. Ho richiuso il tutto a mò di sandwich.
Ho passato i mini toast nei semini di sesamo in modo che si attaccassero proprio nella parte della farcia.
Ho preriscaldato il forno a 180° modalità grill, e ho fatto leggermente dorare la superficie dei Nippon Toast.
Si possono servire tiepidi oppure freddi.
Cin Cin e Buon Aperitivo!