Bagels integrali

Da quando li ho assaggiati a Londra, non ho potuto più farne a meno! I bagels sono delle ciambelle di pasta lievitata, cotte due volte: una prima bollitura e infine la tradizionale cottura al forno conferiscono a questo panino la tipica consistenza “chewy”, ma morbidissima, ideale per esser farcito – come d’obbligo – con formaggi cremosi e mille varianti: dal pesce affumicato, alle uova pochè, alla salted beef (una sorta di roast beef di origini anglosassoni) alla classica marmellata & burro d’arachidi. Continua a leggere “Bagels integrali”

Annunci

Pancakes al farro e yogurt

Le colazioni del weekend, sono i momenti che amo di più, quando il risveglio è lento e si possono godere al massimo i raggi del sole che penetrano dalle finestre e riscaldano la cucina. Così il venerdì mi anticipo con la preparazione di qualche dolcezza da gustare il sabato e la domenica mattina. Continua a leggere “Pancakes al farro e yogurt”

Strudel di frolla integrale alle mele e pere

Lo strudel. Una parola che racchiude un’infinità di varianti e possibilità per far esplodere la fantasia! In principio fu la pasta strudel che tradizionalmente deve essere una sfoglia sottile, composta da pochi e semplici ingredienti quali farina, acqua e poco olio. Elasticissima, non deve esser tirata al mattarello ma con le mani fino ad ottenere un leggero lenzuolo. Al secondo posto la pasta sfoglia, ricca di burro e sottili fogli croccanti che racchiudevano un ripieno dolce o salato. Per non parlare poi della variante con la pasta frolla, tipica di alcune zone altoatesine, ideale per il tè delle 5. E poi la pasta fillo, dal sapore un po’ mediorientale, avvolta su più strati per ottenere un dolce simile alla baklava e adatta per ripieni gustosi a base di molta frutta secca e miele.

La mia variante preferita? Rustica e grezza con la farina integrale  e la farina di farro.

strudel-di-frolla-integrale-alle-mele-e-pere-1

Strudel di frolla integrale alle mele e pere

Ingredienti per uno strudel da 8- 10 fette

Una dose della mia frolla integrale, 3 mele medie o 2 grandi, 2 pere medie, 20 g di burro, 1 cucchiaio di zucchero di canna, 1 cucchiaino colmo di cannella, un limone, un bicchierino di rum, 4 cucchiai d’uva passa, 3 cucchiai di pan grattato, 30 g di mandorle, 1 uovo per spennellare, zucchero a velo.

La pasta frolla integrale utilizzata per questa ricetta la trovate sul sito di Ricette della nonna cliccando {qui}

strudel-di-frolla-integrale-alle-mele-e-pere-3

Procedimento

Preparate la pasta frolla integrale seguendo la mia ricetta {qui}. Potete mescolare tutte le polveri in un mixer (farina integrale, amido di mais, farina di farro, zucchero di canna, lievito e sale), frullarle con il burro ben freddo ed infine unire l’uovo fino ad ottenere una palla d’impasto.

Dato che vi servirà un po’ di attesa per la buona riuscita del dolce, formate una palla di pasta frolla e riponetela a rassodare in frigorifero.

strudel-di-frolla-integrale-alle-mele-e-pere-4

Pelate la frutta, eliminate il torsolo e tagliatela a fettine. Fate fondere in una padella il burro, versatevi la frutta, lo zucchero di canna, rum, cannella, la scorza di un limone e un po’ di succo. Mescolate il tutto, aggiungete l’uva sultanina (che diventerà tenera in cottura) e lasciate che la frutta si ammorbidisca facendo fuoriuscire un po’ di sughino in cottura. Fatela asciugare bene. Spegnete il fuoco e fatela raffreddare.

A parte tritate grossolanamente le mandorle e mescolatele al pangrattato. Tostate il tutto in un padellino e unitelo alla frutta cotta. Mescolate bene.

Infarinate la spianatoia e stendete la pasta frolla integrale fino a raggiungere mezzo centimetro di altezza. Cercate di formare una disco. Distribuite al centro il ripieno a base di frutta e coprite il tutto con il lembo sinistro e con il lembo destro. Sigillate anche le estremità rimanenti tagliando via la pasta in eccesso.

Scaldate il forno a 160° ventilato.

Trasferite lo strudel su una teglia rivestita di carta forno. Sbattete l’uovo e spennellatelo sulla superficie dello strudel. Praticate dei piccoli forellini lungo la superficie dello strudel in modo che in cottura non fuoriesca liquido e non si formi del vapore interno.

Infornate lo strudel e cuocetelo per almeno 30 minuti posizionandolo sulla parte più bassa del forno i primi 20 minuti e i restanti 10 a metà altezza.

Una volta dorato estraetelo dal forno e lasciatelo raffreddare. Servitelo tiepido spolverato di zucchero a velo.

strudel-di-frolla-integrale-alle-mele-e-pere-2

Brioche arrotolata al farro e zucchero di canna

Preparare una soffice brioche per la colazione proprio di lunedì è un po’ come una coccola che si protrae per una settimana intera, gustata la mattina presto per svegliarsi con il sorriso. Per questa brioche arrotolata, che a guardarla sembra un castello ricco di torri oppure una colonia di chioccioline in un prato, ho utilizzato la farina di farro bianca, più salutare della doppiozero.

brioche-arrotolata-1

Brioche arrotolata allo zucchero di canna

Ingredienti per uno stampo da 20 cm di diametro

Per l’impasto: 270 g di farina di farro bianca, 35 g di zucchero di canna, 10 g di lievito fresco o 1 cucchiaino di lievito secco di birra, 130 – 150 ml d’acqua o di latte tiepido, 50 g di burro morbido a temperatura ambiente, 1 uovo, un pizzico di sale.

Per la farcitura: 30 g di burro + una noce per lo stampo, 1 cucchiaio di zucchero di canna, zucchero a velo per decorare.

Il segreto di questa brioche? Più stretti avvolgerete i rotolini di brioche, più sfogliat0 e morbitdo sarà il risultato finale!

brioche-arrotolata-2

Procedimento

Sciogliete il lievito assieme allo zucchero di canna in metà acqua o latte tiepido. L’altra metà di liquido, sbattetela assieme all’uovo intero.

Incominciate mescolando la farina di farro al liquido contenente il lievito e lo zucchero, aggiungete il sale, il liquido con l’uovo e fate assorbire bene quest’ultimo. Procedete aggiungendo il burro a fiocchetti, poco per volta, all’impasto e lavoratelo bene fino ad ottenere un composto liscio e malleabile. Ci vorranno una decina di minuti.

Formate una palla d’impasto, infarinatela leggermente e riponetela a lievitare per almeno 2 ore al coperto a temperatura ambiente fino al raddoppio di volume.

Nel frattempo, fate ammorbidire a temperatura ambiente il burro per la farcia, lavoratelo a crema e mescolatelo allo zucchero di canna.

preparazione-brioche-1

Sgonfiate l’impasto e adagiatelo sul piano da lavoro infarinato. Dividetelo in 4 parti e formate 4 palline. Stendetele con un mattarello fino ad ottenere dei dischi dal diametro di circa 12 – 15 cm. Prendete il primo disco d’impasto e spalmate su tutta la superficie un terzo di crema al burro e zucchero di canna. Proseguite adagiando sopra il secondo disco d’impasto, altra crema al burro e zucchero di canna, il terzo disco e l’ultima parte di crema la burro. Terminate coprendo il tutto con l’ultimo – il quarto – disco d’impasto . Avvolgete la pila che avrete ottenuto nella pellicola e lasciatela riposare il frigorifero per 1 ora in modo che si rassodi.

preparazione-brioche-2

Trascorsa un’ora la pila di dischi d’impasto si sarà un po’ rassodata. Infarinate il piano da lavoro e stendetela con un mattarello fino ad ottenere un disco di pasta brioche alto almeno 1 cm. Con una rotella tagliate delle strisce d’impasto larghe 3 – 4 cm e arrotolatele su loro stesse.

preparazione-brioche-3

Imburrate una tortiera a cerniera dal diametro di 20 cm. Disponete i rotolini appena preparati abbastanza distanziati li uni dagli altri. Coprite e lasciate lievitare 1 ora.

Scaldate il foro statico a 180°C.

Compiuta l’ultima lievitazione in teglia, infornate la brioche arrotolata a forno ben caldo e cuocetela per almeno 20 – 30 minuti. Se si dovesse scurire troppo in superficie, copritela con un foglio d’alluminio.

Una volta cotta, lasciatela raffreddare su una gratella. Spolveratela infine con zucchero a velo e servite.