Quiche alla farina di ceci con funghi, porri e scamorza

Adoro la farina di ceci! La utilizzo nelle sfiziosità salate come farinate, frittelle, nell’impasto del pane, per le crespelle senza glutine e soprattutto nelle torte salate. Questa che vi propongo oggi, non è una ricetta primaverile, ma si presta alla settimana uggiosa che mi aspetta e soprattutto è un valido pretesto svuota frigo. La frolla salata friabilissima è una valida alternativa alle paste sfoglie e brisée confezionate in quanto è veloce, facile da preparare e molto digeribile.

Torta salata Quiche alla farina di ceci con funghi, porri e scamorza 1

Quiche alla farina di ceci
con funghi, porri e scamorza

Ingredienti per 4 persone

Per la pasta brisée alla farina di ceci: 75 g di farina bianca di farro, 75 g di farina di ceci, 75 g di burro freddo, 2 – 4 cucchiai d’acqua fredda, sale fino.

Per il ripieno: 250 g di funghi champignon mondati, mezzo porro, 100 g di scamorza grattugiata, 2 uova, 50 ml di panna fresca, 2 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato, olio extravergine d’oliva q.b, qualche rametto di timo fresco, sale e pepe.

Per questa quiche ho utilizzato uno stampo da 20 – 22 cm di larghezza per ottenere una torta salata alta. Lo stampo da crostata più basso da 24 cm andrà comunque bene.

Torta salata Quiche alla farina di ceci con funghi, porri e scamorza 3

Procedimento

Preparate la pasta brisée servendovi di un robot da cucina: versate la farina di farro, la farina di ceci, il sale e il burro freddo a cubetti. Azionate il tutto e frullate. Aggiungete un cucchiaio d’acqua alla volta fino ad ottenere una palla d’impasto. Avvolgete la pasta brisè nella pellicola per alimenti e riponetela a riposare in frigorifero per 30 minuti.

Nel frattempo affettate il porro e tagliate in 4 i funghi mondati e lavati. Soffriggete il tutto in padella per 15 minuti assieme a 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, sale e pepe. Fate quindi intiepidire.

Sbattete le uova assieme alla panna e ai formaggi grattugiati. Regolate di sale e pepe. Aggiungete quindi i funghi e i porri cotti in padella e mescolate il tutto.

Estraete la pasta brisée dal frigorifero. Scaldate il forno a 180°C in modalità ventilato.

Infarinate leggermente il piano di lavoro e stendete la pasta con un mattarello fino a raggiungere uno spessore di mezzo centimetro. Rivestite uno stampo da 20 – 22 cm e riempite il guscio di pasta con il ripieno appena preparato. Spolverate con timo fresco e infornate. Cuocete la quiche per almeno 40 minuti fino a doratura.

Una volta cotta, estraetela dal forno e fatela riposare per almeno 10 minuti prima di servirla.

Torta salata Quiche alla farina di ceci con funghi, porri e scamorza 5

Annunci

Quiche alla trota affumicata e cipolla rossa

Sono tornata 10 giorni fa dall’Australia con un bagaglio pieno di ricordi ed emozioni. Vi parlerò di alcune mie esperienze e nuove ricette d’oltreoceano durante l’anno ma oggi vi vorrei proporre una quiche veloce e deliziosa, ideale da preparare tutto l’anno. L’ho preparata con la friulanissima trota affumicata accompagnata dalla dolcezza della cipolla rossa.

2

Quiche alla trota affumicata e cipolla rossa

Ingredienti per 4 persone

1 rotolo di pasta briseè, 5 uova, 65 ml di panna fresca, 2 cipolle rosse grandi, 40 g di burro, 2 cucchiai di salsa balsamica Asperum invecchiato 5 anni, 200 g di trota affumicata, 1 cucchiaio di parmigiano reggiano, un cucchiaio di prezzemolo tritato, una grattatina di noce moscata, valeriana per servire, sale e pepe.

In sostituzione alla trota affumicata, potete utilizzare del tonno o del salmone fresco o affumicato.

3

Procedimento

Affettate finemente le cipolle e fatele appassire in padella assieme al burro, sale e un pizzico di pepe. Cuocetele a fiamma bassa in modo da ammorbidirle. Se necessario, aggiungete una tazzina d’acqua per favorire la cottura. Una volta ammorbidite, sfumatele con la salsa balsamica (o con l’aceto balsamico), fate evaporare e spegnete il fuoco. Fatele raffreddare.

Tenete da parte 50 g di trota. Riducete a fettine la restante parte e versatela in una ciotola capiente. Sgusciate le uova e unitele alla trota assieme alla panna, al prezzemolo tritato, alla cipolla stufata. Unite il parmigiano reggiano grattugiato, sale, pepe, una grattatina di noce moscata e mescolate bene il tutto con una forchetta.

Scaldate il forno a 180° C in modalità ventilato.

Srotolate la pasta briseè e rivestite una teglia da 24 cm di diametro. Bucherellate leggermente il fondo con una forchetta e versate il ripieno appena preparato. Infornate a forno caldo la quiche e cuocetela per 45 – 50 minuti. Una volta cotta, estraetela dal forno e fatela intiepidire. Servitela guarnendola con la trota tenuta precedentemente da parte e con qualche fogliolina di valeriana fresca.

Torta salata ai broccoli e noci

Le torte salate sono molto volte in giusto pretesto e la giusta trovata per le cene veloci, per i pranzi riscaldati del giorno dopo e per le scampagnate tra amici. Sono lo svuota frigo per antonomasia, quando ti bastano solo qualche pezzettino di formaggio, un uovo, verdure e, perché no, anche frutta… (vi dico solo che con il gorgonzola, radicchio e qualche pezzettino di pera otterrete una quiche che farà resuscitare le papille gustative!!!)

torta-salata-ai-broccoli-formaggio-di-capra-e-noci-1

Oggi nel mio frigorifero giacevano un broccolo, una manciata di noci e mezza confezione di philalephia in via di scadenza… guardate un po’ che meraviglia ho sfornato! In questo caso ho aggiunto anche un uovo sbattuto con un po’ di panna e parmigiano, giusto per legare il tutto.

torta-salata-ai-broccoli-formaggio-di-capra-e-noci-2

Per le giuste dosi di questa gustosa torta salata, in collaborazione con Ricette della Nonna, troverete la mia ricetta cliccando {qui}.

Burek alla feta con timo e miele

Il burek, chiamato anche börek o lakror, è uno dei piatti e dei sapori tradizionali della gastronomia turca diffuso anche nei Paesi balcanici a seguito dell’espansione ottomana. Lo assaggiai tempo fa in Croazia a Zadar e quest’inverno a Lubiana: è stato amore a prima vista… anzi, al primo morso!

L’ingrediente principale del burek è una pasta sottilissima, la pasta fillo, mentre i ripieni possono esser svariati: in Grecia la variante senza carne viene fatta col formaggio feta e gli spinaci, arrotolata e messa in forno. In Serbia e Bosnia, dove è oramai diventato uno dei piatti nazionali, questa variante viene fatta come una torta di pasta fillo a una decina di strati con solo formaggio non stagionato e tagliata a triangoli. La variante con la carne anche qui dipende da paese a paese. A Zadar, in Croazia, scelsi invece un goloso burek alle mele come spuntino di metà mattina.

Burek feta timo miele 1

Burek alla feta, timo e miele

Ingredienti per una teglia di 24 cm di diametro

4 fogli di pasta fillo, 1 panetto di feta greca da 200 – 250 g, 20 g di burro fuso, 3 rametti di timo, 1 cucchiaino di semi di sesamo, miele.

Se volete cimentarvi nella preparazione della pasta fillo, potete trovare la mia ricetta {qui}. Il procedimento non è difficile ed è facilitato maggiormente se possedete una macchina per tirare la pasta. Per la ricetta  del burek vi servirà solo mezza dose.

Burek feta timo miele 2

Preparate mezza dose di pasta fillo secondo questa mia {ricetta}, dimezzando tutti gli ingredienti e seguendo tutti i passaggi. Otterrete 4 lunghe strisce di pasta, molto sottili lunghe circa 50 cm. Tagliatele a metà nel senso dell’altezza  e sovrapponetele due a due.

Sbriciolate grossolanamente la feta con le mani in una ciotola e mescolatela alle foglioline di timo fresche. Suddividetela nella metà inferiore delle strisce di pasta fillo e arrotolatele ben strette. Otterrete quindi 4 lunghi serpentelli di pasta fillo ripiena di feta.

Rivestite una tortiera bassa con della carta forno. Incominciate a formare il burek attorcigliando a chiocciola il primo serpentello. Continua aggiungendo un altro serpentello vicino al termine del precedente. Nella foto qua sopra potete vedere il burek al termine dell’attorcigliamento.

Scaldate il forno a 180°C ventilato.

Fate fondere il burro e spennellate bene il burek. Spolveratelo con semi di sesamo e infornate a forno caldo. Cuocete per almeno 30 minuti fino a doratura.

Una volta cotto, lasciatelo intiepidire 5 minuti a temperatura ambiente. Poi tagliatelo a fette e servitelo cosparso di miele.

Burek feta timo miele 3

Tortine di pasta fillo alle zucchine, feta e menta

Strudel, torte salate, meat pies…

che passione!

Sono una fanatica delle di queste preparazioni, veloci e succulente racchiuse da un croccante guscio. Dei piccoli bocconcini che possono essere gustati per l’aperitivo, al brunch o come piatto unico. Con le ultime zucchine della stagione vi propongo un’accoppiata vincente: assieme alla menta e alla feta greca sono sicura che vi faranno mandare in estasi le papille. E magari ricordare i sapori di qualche vacanza fatta qualche anno fa.

1

Tortine di pasta fillo alle zucchine, feta e menta

Ingredienti per 6 tortine

1 rotolo di pasta fillo (circa 6 fogli), 4 zucchine medio – grandi, 1 spicchio d’aglio, 1 cucchiaio d’olio extravergine di oliva + un po’ per spennellare, una rametto di foglie di menta, la scorza di mezzo limone, 100 g di formaggio feta greca, sale e pepe.

Questa ricetta richiama la spanakopita greca: potete sostituire le zucchine con 400 g di spinaci sbollentate e fate saltare con l’aglio. Oppure, per un gusto più deciso, potete spadellare 2 peperoni rossi e 2 peperoni gialli tagliati a cubetti. Se avete difficoltà a reperire la pasta fillo, potete sostituirla con 8 rettangoli di pasta sfoglia.

2

Tagliate le zucchine a metà per il lungo, poi di nuovo a metà e riducetele a cubotti non troppo piccoli. Scaldate un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva in una padella assieme a uno spicchio d’aglio in camicia, e fate cuocere i cubetti di zucchina per 15 minuti circa, a fuoco moderato, mescolando di tanto in tanto. A metà cottura aggiungete le foglie intere di un rametto di menta fresca. Salate e pepate. Quando saranno ben dorati, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare il tutto.

3

Una volta raffreddate, mescolate le zucchine con la scorza grattugiata di limone e la feta greca sbriciolata con le mani.

Scaldate il forno a 200°C statico. Su un piano da lavoro pulito, prendete un foglio di pasta fillo, spennellatelo con dell’olio e sovrapponete un’altro foglio. Continuate fino all’esaurimento dei fogli. Ritagliate poi 6 quadrati. Spennellate con dell’olio 6 cocottine di ceramica oppure 6 stampi per muffins in silicone o in acciaio. Adagiate delicatamente la pasta fillo e riempitela con il composto di zucchine e feta appena preparato. Rispiegate il bordi verso l’interno. Disponete le cocottine sulla placca del forno e infornatele per 20 – 25 minuti fino a doratura. Una volta cotte, lasciatele per alcuni minuti riposare. Poi sformatele e servitele.

Sfogliatine alla cipolla rossa caramellata e caprino

Vi propongo oggi un’idea dell’ultimo minuto. Facile e anche veloce da preparare! Sicuramente farete un grandissimo figurone! Potete inoltre variare la farcitura del formaggio come più vi piace.
Sfogliatine alla cipolla rossa caramellata e caprino
Ingredienti per una ventina di sfogliatine
1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
2 cipolle rosse grandi
15 + 15 g di burro
2 cucchiai d’aceto balsamico
150 ml di vino rosso
1 cucchiaio e mezzo di zucchero di canna
1 caprino (o qualsiasi formaggio fresco vogliate)
sale e pepe
timo fresco per decorare
Vi serviranno inoltre 2 tagliabiscotti o 2 coppapasta di forma circolare: uno grande e uno più piccolo… e una forchetta.
Preparate le cipolle caramellate: per prima cosa affettate le cipolle. In una pentola antiaderente fate sciogliere 15 g di burro. Aggiungete le cipolle affettate, salate e pepate. Il fuoco deve esser vivace ma non troppo alto. Miscelate in un bicchiere il vino assieme all’aceto balsamico e sfumate le cipolle. Coprite immediatamente, abbassate di poco il fuoco e lasciate stufare il tutto per 15 minuti. Se le cipolle vi risultano ancora croccanti, versate in cottura un po’ d’acqua. Quando risulteranno morbide, aggiungete i 15 g di burro rimasti e lo zucchero di canna, e fate caramellare. Togliete dal fuoco e mettete da parte.
Scaldate il forno a 180°C ventilato. Tagliate con il tagliabiscotti più grande tanti cerchi di pasta sfoglia. Con il tagliabiscotti più piccolo, incidete e SOLO incidete al centro il cerchio di pasta sfoglia. Bucherellate il cerchio centrale con la forchetta in modo che in cottura si gonfi solo la pasta sfoglia presente nella circonferenza.
 Disponete nella parte centrale bucherellata le cipolle caramellate e una fetta di caprino. Il formaggio di capra sarebbe perfetto, ma voi potete sostituirlo con qualsiasi formaggi a pasta molle o semidura come ricotta, stracchino, philadelphia, brie, camambert o perfino gorgonzola.
Infornate a forno caldo per 20 minuti, fino a doratura. Controllate che siano ben cotte anche nella parte inferiore e se volete renderle piu’ colorate, riponetele qualche secondo sotto il grill.
Sfornatele e lasciatele intiepidire.
Servitele decorandole e profumandole con foglioline di timo fresco. Potete prepararle anche con qualche ora d’anticipo e scaldarle al momento, per qualche minuto, nel forno caldo.