Cheesecake alla ricotta e confettura di mele cotogne

Nella bottega pugliese di GioAnna, ho trovato questa meraviglia: la confettura extra di mele cotogne. Non l’avevo mai assaggiata e così mi son documentata su questo frutto, simile alla mela, ma molto particolare …

Parlano di lei come un frutto oramai dimenticato: la mela cotogna, che vanta un passato letteralmente leggendario, subisce un presente purtroppo di gran lunga meno interessante. La leggenda narra che la mela cotogna rappresentò l’emblema di Venere, simbolo di buon auspicio e fecondità nei banchetti matrimoniali al tempo degli Dei. I frutti di questa pianta sono di colore giallo oro intenso, di dimensioni variabili, (a volte molto grandi in alcune varietà) asimmetrici. La loro buccia è fittamente ricoperta di peluria che scompare a maturazione ed è comunque facilmente rimossa. La polpa è facilmente ossidabile (scurisce all’aria), poco dolce ed astringente. Infatti raramente viene consumato crudo.
Il frutto della mela cotogna è usato per la preparazione di confetture, gelatine, mostarde, distillati e liquori.
La condizione di limitata dolcezza della polpa non significa assenza di zuccheri, ma la loro presenza sotto forma di lunghe catene glucidiche, che danno l’effetto soggettivo della scarsa dolcezza; con la cottura, nella preparazione di confetture, e quindi con la frammentazione dei polisaccaridi la polpa assume una dolcezza intensa, e la liberazione di un profumo di miele.
L’elevato contenuto di pectina produce un veloce addensamento della confettura o della gelatina, limitando i tempi di cottura.
In epoca precedente la diffusione dello zucchero raffinato, la confettura semisolida di cotogne era, con il miele (costosissimo), uno dei pochi cibi dolci facilmente disponibili e soprattutto ben conservabili.
I frutti venivano anche posti negli armadi e nei cassetti per profumare la biancheria.
Una preparazione tipica pugliese è la cotognata leccese, gelatina semisolida servita in piccoli pezzi.
Se anche voi volete acquistare la confettura extra di mele cotogne, o altre ottime conserve made in Puglia, recatevi presso la bottega di
GioAnna di Andriola G. & C. Snc
via Bolzano, 6/8
33048 San Giovanni al Natisone (Udine)
Il negozio è aperto dal martedì al sabato dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30
La domenica e il lunedì il negozio è chiuso
Al mercoledì, il negozio viene rifornito di prodotti freschi come pane e formaggi direttamente dalla Puglia.
e-mail: info@gioanna.net
Questa confettura extra di mele cotogne mi ha fatto venir voglia di preparare una cheesecake. Non la cheesecake all’americana, con la Philadelphia o il cream cheese, ma qualcosa di più tradizionalmente italiano: un’ottima cheesecake di ricotta… da leccarsi i baffi!
Cheesecake alla ricotta e 
confettura di mele cotogne
 
Ingredienti
Per la base della cheesecake:
100 g di biscotti secchi
1 cucchiaino di miele
40 g di burro fuso
Per la cheesecake:
330 g di ricotta vaccina o mista
60 g di zucchero
una puntina di semi di vaniglia
2 cucchiaini di maizena
la scorza di mezzo limone
2 cucchiaini di Marsala o vino dolce (facoltativo)
2 uova
80 g di yogurt greco
confettura di mele cotogne
pistacchi per decorare
Tritate in un mixer i biscotti assieme al burro fuso e al miele. Foderate uno stampo di 20 cm di diametro con la carta forno. Sparpagliate la polvere di biscotti secchi schiacciandola con le mani in modo da formare la base della torta. Riponete poi subito in frigo a raffreddare.
Passate la ricotta con lo schiacciapatate o setacciatela con un colino in modo che non abbia grumi e si possa amalgamare bene all’impasto.
Separate i tuorli dagli albumi. Montate i bianchi a neve. Montate i rossi con lo zucchero, la scorza di limone, il marsala e la vaniglia. Aggiungete poi la ricotta setacciata, la maizena e lo yogurt greco.
Mescolando dall’alto verso il basso, aggiungete poco per volta gli albumi montati a neve.
Scaldate il forno a 160°C. Riponete il composto sopra la base di biscotto e infornate a forno caldo per 50 – 55 minuti. La torta si dorerà leggermente in superficie durante la cottura.
Una volta cotta, lasciate raffreddare la torta a temperatura ambiente per circa 30 minuti. Poi riponetela in frigo per un minimo di 4 ore. Potete lasciarla in frigo anche tutta la notte.
Poco prima di servirla, ricoprite la torta con la confettura extra di mele cotogne e decoratela con i pistacchi non salati sgusciati.
Annunci

One comment

  1. Mamma mia, è bellissima davvero.. e te lo dice una che non ama le cheesecakes!! E per di più la marmellata di mele cotogne è la mia preferita.. è la marmellata “della nonna”, quella dalla ricetta segreta e dal profumo unico..

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...