Il corso di cucina filippina con Lucy Gonzales

Domenica 7 aprile abbiamo conosciuto la vulcanica Lucy Gonzales. Lucy è arrivata in Italia negli anni Ottanta, faceva parte di un gruppo folkloristico filippino di Manila che girava il Bel Paese presentando spettacoli di balli filippini tradizionali. Arrivata in Friuli, si è fermata nella nostra regione per amore. Vive tuttora a Cividale e parla anche il friulano!
Donna carica di simpatia, con il suo bel fazzolettino sui capelli, Lucy ci ha fatto scoprire sapori inusuali riguardo l’identità culinaria filippina.
Le Filippine hanno fortemente avuto l’influsso di moltissime differenti culture, e le tradizioni gastronomiche risentono moltissimo di influenze spagnole, americane e cinesi.
Gli ingredienti che Lucy ci ha presentato sono stati:
  • naturalmente il riso a chicco lungo, tipico orientale, cotto con l’immancabile cuociriso.
  • le arachidi e il burro d’arachidi, d’ influenza americana, utilizzati come ingredienti fondamentali di stufati di carne.
  • la frutta tropicale, in questo caso il mango, mangiato sia ancora un po’ acerbo per accompagnare i piatti principali, che ben maturo al posto del dessert.
  • il latte condensato, sicuramente d’importazione spagnola, utilizzato per dolcissimi dessert.
  • il bagoong, un patè di gamberetti che sinceramente non son riuscita ad apprezzare. E’ un tipo di condimento filippino costituito da gamberetti fermentati e macinati addizionati di sale. E’ molto ma molto saporito e il profumo può similmente ricordare quello della pasta d’acciughe… o il mangime per i pesci. Si presenta confezionato in barattoli sigillato da uno strato di cera superficiale da rimuovere all’uso.
Lucy ci ha poi mostrato come cucinare il KARE KARE, lo stufato di manzo in crema di arachidi. Tradizionalmente si utilizzano le interiora, il codino, le zampe dell’animale per cucinare lo stufato, ma per questione di “stomaci e papille europei delicati”, Lucy ha deciso di utilizzare come carne il guanciale di manzo, una carne che si presta a lunghe cotture, ben marezzata, ovvero con uno strato di grasso e collagene che l’aiutano a diventare morbida e sugosa. Il guanciale viene tagliato a pezzettini assieme a uno scalogno e il tutto viene versato in una pentola con dell’acqua a ebollizione. Quando la carne risulterà tenera, vengono aggiunti il burro d’arachidi, le arachidi tritate e il riso (crudo) tostato e tritato che funge da addensante. Si lascia restringere il tutto.
Il piatto viene servito assieme al riso bollito e a delle verdure, in questo caso bieta, fagiolini verdi e melanzane, cotti in un primo momento al vapore e poi fatti saltare in padella con uno spicchio d’aglio e olio di semi.
Naturalmente il tutto servito con il BAGOONG, il patè di gamberetti precedentemente insaporito da un soffritto di aglio, cipolla e pomodoro, assieme a dei PETALI DI MANGO, da mangiare tra un boccone di carne e l’altro.
Come dolce, Lucy ha servito il LECHE FLAN, una bomba atomica di calorie composta da 10 tuorli d’uova sbattutti assieme al latte condensato, al latte fresco e a zucchero.
E’ un dolce che risente l’influenza spagnola e viene cucinato anche nell’America Latina, dove prende il nome di Flan de Leche.
Il composto che si ottiene viene cotto a bagnomaria nel forno e viene servito come dolce al cucchiaio assieme al caramello. La somiglianza è molto vicina al Crèm Caramel.
Dopo questo golosissimo peccato di gola, confermo:
son andata a correre per smaltire!!!
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...